Thursday, March 20, 2008

aspiranti clown

ECCOCI. IN MEZZO A QUEL MUCCHIO DI VESTITI E OGGETTI, SI TROVA IL NOSTRO CLOWN. ROVISTANDO COME BAMBINI NEL BAULE DELLA NONNA, LO ABBIAMO VESTITO.  ORA VIENE LA PARTE PIU DIFFICILE...FAR GIOCARE I NOSTRI CLOWN
  PUFF!!!!!FORZA RAGAZZI!!!! LA MAGIA E' DIETRO L'ANGOLO. (SPERO...)

2 comments:

elisabetta said...

te respuendo asì:
A metà della strada - come avviene
che i nidi di calce e polvere, gli incastri
si disfanno alle spalle, dei sobborghi, e le scene
della campagna senza parola si illuminano;

a metà della strada - fra una città e l'altra,
fra una stazione e l'altra, fra due ore di notte,
quando non sai perchè vai o ritorni
e rotto alla nuca il filo della ragione
scendi tra vecchi giornali e parole di fumo;

a metà della strada - quando il comando è lontano
e il foglio scritto è sbiadito di pioggia
e la battaglia è un'eco e la notte precipita
e chi porta il messaggio ha l'affanno del disertore;

a metà della strada - tra due distanze
quando memoria e previsione hanno taciuto
tra la fine del fiume e il principio del mare
tra due orizzonti eguali ed assoluti....

FRANCO FORTINI - A metà (da Poesia ed errore)

juanita de la vega said...

"Micetto del Cheshisre, vorresti dirmi di grazia quale strada prendere per uscire di qui?
-“Dipende soprattutto da dove vuoi andare", disse il Gatto.
-"Non m'importa molto..."disse Alice,
-"Allora non importa che strada prendi"disse il Gatto
-"...purché arrivi in qualche posto", aggiunse Alice a mo' di spiegazione.
-"Ah, per questo stai pure tranquilla", disse il Gatto, "basta che non ti fermi prima."
Alice trovò la risposta ineccepibile, e pertanto arrischiò un'altra domanda. "Che tipo di gente abita da queste parti?
-"In quella direzione", disse il Gatto agitando la zampa destra , "abita un Cappellaio; e in queella ", agitando l'altra zampa, "abita una Lepre Marzolina. Puoi andare a trovare l'uno o l'altram tanto sono matti tutti e due."
-"Ma io non voglio andare fra i matti", osservò Alice.
-"Be', non hai altra scelta", disse il Gatto. "Qui siamo tutti matti. Io sono matto. Tu sei matta"
-"Come lo sai che sono matta?" disse Alice.
-"Per forza", disse il Gatto, "altrimenti non saresti qui, (cercando di fare il clown)